Sono le di
SPI-CGIL Salerno Via F. Manzo, 64 -84100 SALERNO 089.2857214 089.225702 webmaster@spicgilsalerno.it

Mondo del lavoro, precarietà e consultazione Cgil per la nuova "Carta dei Diritti Universale del Lavoro", ad Angri Spi e Nidil in campo con giovani, lavoratori e pensionati

I Vertici Cgil del Sindacato Pensionati Italiani e del Nidil di Salerno si sono incontrati con anziani, lavoratori atipici e giovani precari di Angri per discutere della grave crisi che assilla il mondo del lavoro e per mettere a punto “iniziative intergenerazionali” dirette ad affermare nell’importante centro dell’Agro Nocerino-Sarnese un Piano programmatico e vertenziale per superare i ritardi culturali  maturati finora nel campo delle certezze sociali, del lavoro e  dei diritti.
L’interessante incontro, svoltosi presso la Lega Spi-Cgil di Angri, si è caratterizzato per l’attenta panoramica tracciata dagli intervenuti sulle precarietà presenti nei lavori pubblici e privati e sulla scarsa attenzione che le Autorità preposte fanno registrare verso la piena affermazione delle Politiche Sociali a sostegno delle esigenze della “terza età”, dei giovani e delle famiglie a basso reddito.  
In tale ambito, oltre al contributo critico e propositivo di precari e  pensionati,  significativi sono stati i punti centrali lanciati nel dibattito da Gennaro Schettino (segretario organizzativo Spi-Cgil Salerno) e da Antonio Capezzuto (responsabile segreteria Nidil-Cgil Salerno).
I due esponenti, hanno infatti sottolineato l’esigenza di intervenire con determinazione sui problemi locali, ma hanno soffermato la loro riflessione soprattutto sul progetto di legge di iniziativa popolare per l’approvazione di una nuova “Carta dei Diritti Universali del Lavoro”.
“Rispetto a questo progetto – ha sottolineato Schettino -  i rappresentanti di giovani, lavoratori e pensionati Cgil in queste settimane sono impegnati  in tutta la provincia di Salerno, in centinaia di assemblee, per consultare, alla luce dei cambiamenti intervenuti nel mondo del lavoro, la platea degli iscritti sui tre punti centrali che caratterizzano la proposta di legge del nuovo Statuto delle lavoratrici e dei lavoratori. In sintesi – conclude – questi i tre punti da approfondire:  1) Principi universali; 2) Contrattazione, Democrazia e Rappresentanza; 3) Riscrittura dei Contratti di Lavoro”.

8 febbraio 2016  Ufficio Stampa Spi-Cgil Salerno

(Stampa Pagina) Condividi su: C Condividi su:
Copyright © 2005 SPI-CGIL SALERNO Via F. Manzo, 64,- 84100 SALERNO Sito Realizzato da Centro Sviluppo Web -CGIL Bellizzi (SA) Tel. 0828.1848110